Immanuel Casto: il cantante un pò porno

Immanuel Casto: il cantante un pò porno

22/12/2016

Manuele Cuni da Villa di Serio a molti non dirà nulla, ad altri neppure. Forse, se aggiungiamo il nome d'arte "Immanuel Casto", già potrebbe andare meglio, ma anche no.

Eppure come lui ce ne sono pochi, o forse nessuno. Lontano dal circuito mainstream, ma figlio della più democratica rete, il cantautore bergamasco ha preso due cose che piacciono a molti - la musica e il sesso - e le ha unite. Il risultato è un porn groove dai titoli che è meglio non pronunciare ad una cena di famiglia: "Tropicanal", "Che Bella La Cappella", "Escort 25", "DiscoDildo", tanto per citarne alcuni.

Il tappeto su cui vengono spalmati i testi senza peli sulla lingua è fatto di musica elettronica o, se preferite, di quel "popdenz" declamato con vera cialtroneria da Marco Marfè, il ragazzo di Napoli della debacle più famosa di X Factor. Ricordate?

Facile pensare che, in questi casi, prevalga l'ironia, così come viene naturale quando si compie la scelta di essere demenziali. E l'ironica c'è, ma non entra dalla porta, bensì dalla finestra. Questo perché Immanuel Casto riesce a intonare i suoi stornelli di satira sociale con la stessa serietà con cui canterebbe "Va Pensiero" e correda i brani con videoclip accurati, che non hanno lo scopo di strappare la risata.

In buona sostanza, è credibile, e questo lo rende divertente. Provate a cantare "oh che bella la cappella, dove mi inginocchierò" senza ridere, rimanete seri e mostrate convinzione rispetto a ciò che state dicendo: l'effetto sarà esilarante.

E i fan lo premiano per questo con vaste presenze ai concerti e milioni di visualizzazioni su Youtube: "Escort 25", ad esempio, ne ha più di 2 milioni, "Tropicanal" 1 milione e trecentomila.

Funziona la schiettezza, fa colpo l'irriverenza e la percezione che dietro a ogni goliardica trovata ci sia lavoro e non improvvisazione. Per il genere proposto e i canali di diffusione adottati, Immanuel Casto resta un prodotto per un pubblico specifico. Ma lui intanto macina dischi, 4, di cui uno distribuito da Universal, e interviste, tra le quali spicca quella doppia con Cristina D'Avena, in una chiara contrapposizione tra dissolutezza e innocenza. Peraltro Cristina D'Avena non è nuova alla frequentazione di esponenti della musica demenziale, se è vero che con i Gem Boy fa coppia fissa da anni, sfornando tour di grande successo. Che sia l'inizio di un nuovo sodalizio artistico?

Temistocle Marasco


Vai ai testi di Immanuel Casto


NEWS NELLA CATEGORIA: GOSSIP E CURIOSITÀ

Cerca nelle news

I testi musicali presenti sul sito sono
forniti da SingRing.

©2010-2016 toptesti.it