Le 10 migliori canzoni dei Queen

Le 10 migliori canzoni dei Queen

24/12/2018
  • Queen
  • Freddie Mercury

CLICCA QUI! Resta aggiornato su tutte le notizie nel mondo del rock

Restarci male per un articolo sulle 10 migliori canzoni dei Queen non è solo normale, ma è quasi un atto dovuto. Pensando al gruppo britannico, le prime 10 tracce vengono in mente di getto. Si spingono l'un l'altra sull'uscio della mente nel tentativo di entrare prima di tutte nei nostri pensieri. E quando lo hanno fatto, almeno altri 10 brani reclamano un posto nella top ten. Ne avrebbero diritto, ma resteranno fuori. La situazione è aggravata dal fatto che i 4 Queen scrivono tutti e ognuno di loro ha sfornato hit degne di essere ricordate. In ordine sparso:

Bohemian Rhapsody
Pubblicata nel 1975 nell'album "A Night At The Opera", il suo nome è dovuto alla sua struttura complessa (rapsodia), fatta da 5 segmenti diversi: l'intro corale a cappella, la porzione di ballata, l'opera, lo sfogo hard rock e la chiusura di nuovo in stile ballad con piano e chitarra. Freddie Mercury, autore del brano, inizialmente dubitava che una tale complessità potesse essere apprezzata sia dal resto della band che dal pubblico, che invece l'ha consacrata come una delle canzoni più rappresentative della band. A testimonianza di ciò, ha dato il titolo al film sulla storia dei Queen. In concerto la parte operistica non è stata mai eseguita live.

We Are The Champions
Singolo del 1977, è una delle canzoni più conosciute dei Queen, anche grazie alla sua propensione ad essere colonna sonora ideale di qualsiasi vittoria, nello sport ma più in generale della vita.


I Want It All

Brano del 1989 composto da Brian May, è inserito nell'album "The Miracle". La sua genesi si dice derivi da una frase che il chitarrista britannico si sentiva ripetere spesso dalla sua seconda moglie Anita Dobson, che lo invitava ad essere più deciso quando si trattava di fare delle scelte.

The Show Must Go On
Il 14 ottobre 1991 vede l'uscita dell'album "Innuendo". Uno dei singoli estratti è proprio "The Show Must Go On". Il brano esprime un messaggio destinato a entrare nell'immaginario collettivo: lo spettacolo deve andare avanti. E la band sarà costretta a fare subito i conti con questo principio: Freddie Mercury morirà poche settimane dopo la pubblicazione del disco.


We Will Rock You

È il brano che, più di qualunque altro, definisce la capacità dei Queen di sfornare inni, pezzi che riescono a innestarsi nei momenti di esaltazione collettiva. I 2 minuti e zero 1 scanditi dal battito di mani e piedi sono stati pensati di Brian May per consentire al pubblico la massima partecipazione durante i live, come se fosse un membro della band a tutti gli effetti. La registrazione in studio invece è stata ottenuta facendo vibrare le assi di legno del pavimento di una vecchia chiesa.

Another One Bites The Dust
Scritta da John Deacon e inserita nell'album "The Game" del 1980, è il singolo dei Queen che ha venduto di più: 7 milioni di copie (superata anche "Bohemian Rhapsody"). E' un pezzo che si discosta dal sound dei Queen e che ha creato discussioni all'interno della band sull'opportunità di proporla, avendo al suo interno elementi funky ed elettronici, oltre a una linea di basso che fa da protagonista.


Love Of My Life

"Love Of My Life" fa parte del lato B di "A Night At The Opera" del 1975. E' una ballad dalla forte valenza emotiva: è la canzone che Freddie Mercury ha scritto per la sua compagna Mary Austin, la ragazza che ha amato profondamente per la vita, al di là di tutto, della fine della loro relazione, della sua presa di coscienza e dei numerosi amanti. Mary c'è sempre stata, fino alla fine. Struggente, vera, espressione di un sentimento purissimo.


Radio Ga Ga

Singolo del 1984, è stato scritto da Roger Taylor prendendo spunto da alcune parole pronunciate dal figlio piccolo. E' il ritorno al successo planetario dopo il passo falso di "Hot Space". Con questo brano, nello stesso anno, i Queen si esibiscono anche al festival di Sanremo.

Somebody To Love
Brano del 1976, primo singolo estratto dall'album "A Day At The Race". Il pezzo è uno dei più apprezzati nelle esibizioni dal vivo ed è caratterizzato dalle sezioni corali, realizzate attraverso la sovraincisione delle voci dei Queen, per dare la sensazione di un grande coro gospel.

Crazy Little Thing Called Love
Freddie Mercury stava canticchiando alcuni accordi immerso nella vasca da bagno di un hotel a Monaco di Baviera quando chiese al suo assistente di prendergli la chitarra. La linea melodica del pezzo nacque così, in soli 10 minuti, avvolto in una asciugamano. E in ulteriori 30 minuti avvenne la registrazione perché Freddie si presentò agli altri componenti della band con gli arrangiamenti per tutti, già cotti e mangiati. L'ispirazione improvvisa diede vita a questo rockabilly del 1979 diventato fondamentale nelle esibizioni dal vivo.

Temistocle Marasco

Ti piacciono i nostri articoli? Iscriviti alla nostra Newsletter per non perderne nemmeno uno!!

NEWS NELLA CATEGORIA: GOSSIP E CURIOSITÀ

Le 10 migliori canzoni dei Led Zeppelin

Le 10 migliori canzoni dei Pink Floyd

News dal mondo della musica

Ed Sheeran e il ketchup: un amore tatuato sulla pelle

Ed Sheeran e il ketchup: un amore tatuato sulla pelle

Ed Sheeran e il ketchup è una storia d'amore tatuata sulla pelle. Il cantante è anche diventato testimonial della marca Heinz. E non finisce qui. [..]

Pearl Jam: Eddie Vedder incontra una fan che 27 anni prima gli diede un passaggio in bici

Pearl Jam: Eddie Vedder incontra una fan che 27 anni prima gli diede un passaggio in bici

Trovarsi a bere con una star, perdersi, ritrovarsi 27 anni dopo ricordando quel passaggio in bicicletta. [..]

Guè Pequeno non si ferma: da oggi in tour e il 21 giugno l'EP "Gelida Estate"

Guè Pequeno non si ferma: da oggi in tour e il 21 giugno l'EP "Gelida Estate"

Guè Pequeno parte oggi con il tour estivo e il 21 giugno pubblicherà l'EP "Gelida Estate". [..]

Romina Falconi ft. Taffo Funeral Services presentano la hit estiva "Magari Muori"

Romina Falconi ft. Taffo Funeral Services presentano la hit estiva "Magari Muori"

Romina Falconi lancia il suo tormentone estivo dal retrogusto tombale "Magari Muori". Dietro la scelta atipica si nasconde una assoluta verità. [..]

Ecco gli occhiali che aiutano le persone di bassa statura a vedere i concerti

Ecco gli occhiali che aiutano le persone di bassa statura a vedere i concerti

Alle persone basse che assistono ai concerti può capitare di non vedere nulla o quasi per colpa di persone più alte davanti a loro. Ecco la soluzione. [..]

Cantante neomelodico offende Falcone e Borsellino: bufera in Rai

Cantante neomelodico offende Falcone e Borsellino: bufera in Rai

Nella trasmissione "Realiti", in onda su Rai 2, un cantante siciliano si è lasciato andare a riflessioni irriguardose nei confronti dei giudici Falcone e Borsellino. [..]

I tormentoni dell'estate 2019

I tormentoni dell'estate 2019

Entreranno nelle vostre vite senza bussare, li odierete, li offenderete fino a quando un bel giorno non ne potrete più fare a meno: i tormentoni dell'estate 2019. [..]

Tredici Pietro: il figlio minore di Gianni Morandi debutta con l'EP "Assurdo"

Tredici Pietro: il figlio minore di Gianni Morandi debutta con l'EP "Assurdo"

"Assurdo" è il primo EP di Tredici Pietro, rapper emergente con un genitore ingombrante: Gianni Morandi. [..]

Apollo soundtrack: il 18 luglio a Matera un concerto per i 50 anni dall'allunaggio

Apollo soundtrack: il 18 luglio a Matera un concerto per i 50 anni dall'allunaggio

Nel 1969 quale musica avrebbero potuto ascoltare Neil Armstrong e Buzz Aldrin durante il viaggio sulla luna? Troppo facile dire Louis Armstrong, per via di un'omonimia che genera l'equivoco ancora oggi. [..]