Of New Trolls: Gianni Belleno, radici forti e una valigia di "Sogni"


Gianni Belleno è un'icona del rock progressivo italiano, batterista e cantante dei New Trolls, oggi of New Trolls. Lo abbiamo intervistato in occasione della recente uscita del nuovo album "Le Radici E Il Viaggio Continua", un lavoro che non dimentica il passato ma che volge lo sguardo verso il futuro.

Gianni, benvenuto su Toptesti.it. E' uscito da pochi giorni il vostro nuovo album. Ce lo vuole presentare?
Il nuovo album si chiama "Le Radici E Il Viaggio Continua". E' una metafora in quanto le radici siamo io e Nico (Di Palo) e "il viaggio continua" sono i ragazzi che suonano con noi, ai quali lasceremo la nostra eredità di musica e la possibilità di portare avanti il gruppo dei New Trolls.

Il disco è uscito il 26 novembre solo per l'estero mentre in Italia sarà disponibile dal 14 gennaio. Come mai avete scelto di pubblicare prima all'estero?
La nostra casa di distribuzione Self ha deciso di soddisfare prima tutte le richieste avute dall'estero, per poi rendere disponibile il disco in Italia nel periodo natalizio. Vero è che in Italia esce il 14 gennaio però dal 15 al 23 dicembre diamo la possibilità a chi volesse acquistare il disco di ordinarlo attraverso un link. Quindi per il 25 dicembre potrebbero già averlo a casa.

Il disco ha la vostra storia ma anche tanti brani inediti.
Ci sono 11 brani inediti. Sono tutti brani che abbiamo scritto durante il lockdown. Ci siamo messi sotto e abbiamo registrato stando a casa, ognuno le sue parti. Poi ci siamo riuniti in studio per assemblare il tutto in modo che venisse un lavoro omogeneo. Nico poi ha voluto ricantare 6 brani vecchi, che facevano parte della nostra preistoria, e fanno ancora parte della nostra preistoria, e abbiamo creato un nuovo arrangiamento in modo tale che venisse meglio fuori la voce di Nico, oltre ai vari singoli strumenti.

Rispetto ai vostri esordi è cambiato il modo di costruire un brano?
Noi una volta suonavamo su poche piste, su poche tracce. A quei tempi c'erano 4 tracce e avevamo un suono abbastanza sporco. Il digitale ha cambiato tanto. Noi cerchiamo sempre di suonarlo dal vivo il brano. Preferiamo sempre avere chitarre vere, batteria vera, basso vero, tutti strumenti autentici perché poi andiamo a fare le serate e suoniamo veramente. Non abbiamo bisogno di computer o di altro perché noi cantiamo in 6, siamo completi e ci facciamo tutto da soli.

Si può dire che ci sia una minore autenticità nello sviluppo dei brani al giorno d'oggi?
Sono un pò i giovani che ci portano a ragionare così. Noi avevamo un modo un pò diverso di fare le cose, e ci è rimasta la tendenza di farle un pò come una volta. Mentre loro viaggiano molto più veloci. Poi coi computer uno può cantare da casa sua e magari mio figlio (che ha prodotto il disco) registra da casa sua. Facciamo esperimenti di questo tipo, sempre però mantenendo la verità. Nel senso che non è che andiamo a modificare la voce. Oggi abbiamo la possibilità di registrare a distanza, mentre in passato dovevi andare in studio e, se sbagliavi, eri costretto a ricominciare da capo.

Com'è lavorare con suo figlio?
E' un piacere perché mio figlio è oltre. Lui è nato veramente con la nostra musica. Quando era piccolino noi eravamo al massimo come gruppo. E' venuto in Francia quando abbiamo registrato "Aldebaran". E' sempre stato con noi. All'età di 5 anni gli ho messo un pianoforte in casa. Oggi produce, canta, suona, arrangia, scrive i brani. Il nostro nuovo disco lo ha prodotto lui e ha anche scritto le canzoni con me. Io, lui e Nico abbiamo fatto il meglio che potevamo fare. Ci sono dei brani che parlano del covid, di quello che viviamo oggi in questa Italia. Abbiamo messo a posto l'arrangiamento di "Porte Aperte", che canta mio figlio, non la canto più io. E' diventato un pezzo veloce. C'è un pezzo per mia moglie, che non c'è più ("Il Tuo Viaggio"). Glielo abbiamo dedicato perché lei ha dato la vita per noi. Da sempre. Da quando ci siamo sposati ha seguito i New Trolls e li ha sempre adorati. Quindi era giusto scrivere una canzone per lei e ricordarla.

"Sogni", altro brano del nuovo album, unisce i New Trolls a qualcosa di diverso e molto moderno, in un connubio riuscitissimo. Com'è nato questo brano?
E' sempre merito di mio figlio, da una sua idea. Siamo entrati in contatto con Flowmatto tramite il nostro chitarrista. E' venuto, ha cantato, ha scritto lui la parte rappata e poi abbiamo fatto gli incisi. E' un esperimento riuscito. Spero di farne degli altri perché vengono fuori delle belle idee e ci divertiamo anche.

I Maneskin recentemente hanno aperto un concerto dei Rolling Stones, ma nel 1965 è successo anche a voi. Che esperienza è stata?
E' stata un'esperienza incredibile. Nel 1965 non era come oggi. Oggi in 3 secondi vai in tutto il mondo. Noi ci siamo trovati di fronte ai Rolling Stones. Ci hanno messo sul palco prima di loro. Quando sono andato sul palco e ho visto tutta quella gente, poi sono scappato in camerino e mi sono chiuso dentro. Non volevo più uscire dalla paura. Anche perché non avevamo ancora fatto dischi. Eravamo proprio un gruppo sconosciuto. Non avevamo ancora casa discografica. Non avevamo ancora incontrato Giampiero Reverberi e Fabrizio De Andrè. E' stata una esperienza incredibile che poi ci ha portato bene. Aprire per i Rolling Stones non è una cosa che capita tutti i giorni. Poi lo abbiamo fatto anche coi Led Zeppelin nel 1971. Abbiamo suonato con Stevie Wonder, abbiamo accompagnato Aretha Franklin. Tante belle esperienze.

Com'è stato riprendere i live dopo questa lunga pausa forzata?
I live sono sempre emozionanti. C'è sempre quella adrenalina e quella paura nei 5 minuti prima di cominciare. E' sempre un'emozione incredibile e io sono felice di provarla ancora perché vuol dire che ci divertiamo, ma che abbiamo anche la tensione giusta che ti fa riuscire bene uno spettacolo. Uno spettacolo che faccia dire che il gruppo ha fatto un buon lavoro. La nostra più grande soddisfazione è quella di trasmettere emozioni al pubblico, come noi le riceviamo dalla platea quando siamo sul palco. Vuol dire che siamo riusciti a toccare il cuore delle persone. Siamo portatori di emozioni, ma le riceviamo anche. Tutto questo ci è mancato molto con il covid. Abbiamo avuto la fortuna di dover fare il disco in quel periodo. Se fossimo stati ai vecchi tempi non saremmo riusciti. Con le distanze e le restrizioni, senza i mezzi moderni, non ce l'avremmo fatta.

Come sono cambiati i live con le misure di sicurezza anticovid che vengono adottate attualmente?
Avvertiamo che ci sono delle limitazioni dovute alla sicurezza. Cerchiamo di evitare il contatto coi i fan, per lo meno da vicino. Oggi vedo molta distrazione andando in giro. Se ognuno di noi, prima di toccare una cosa, mettesse i guanti, prima di parlare con le persone da vicino avesse la mascherina, sarebbe meglio. Io apro le porte coi gomiti, spingo il carrello della spesa coi gomiti. Il gomito è diventato quasi una seconda mano! Anche quando magari vado fuori, in un bagno di un ristorante, entro col gomito. Solo che, per aprire i rubinetti così, c'è da diventar matti! Se tutti facessero così, forse ci sarebbe meno paura di andare in giro. Ci sono dei momenti in cui si perde la percezione del pericolo.

Temistocle Marasco

Ti piacciono i nostri articoli? iscriviti alla nostra Newsletter per non perderne nemmeno uno!!

INTERVISTE

News dal mondo della musica

Rocco Hunt: il gruppo elettrogeno non regge e il concerto viene annullato

16/08/2022

"Non mi è mai successa in vita mia una situazione del genere. Sono mortificato". Rocco Hunt a Savelli deve rinunciare a esibirsi per problemi tecnici.

CONCERTI ED EVENTI

Jova Beach Party: ambientalisti sul piede di guerra

10/08/2022

Alcune associazioni ambientaliste hanno diramato una nota in merito al prossimo Jova Beach Party che si terrà a Roccella Jonica: c'è il rischio di compromettere un ecosistema.

CONCERTI ED EVENTI

Beyonce e il nuovo album: partenza ad handicap


Beyonce ha pubblicato il suo nuovo album "Renaissance". "Heated", uno dei brani che lo compongono, è finito sotto i riflettori per una parola contenuta nel testo, che risulterebbe offensiva per le persone disabili.

GOSSIP E CURIOSITÀ

I Kings Of Convenience vincono in Sila


Si è tenuto ieri il concerto dei Kings Of Convenience nello splendido scenario della Sila, con il palco posizionato a pochi metri dal lago Cecita.

CONCERTI ED EVENTI

Liberato e la SIAE spiona: ecco chi potrebbe essere

28/07/2022

La vera identità di Liberato rischia di essere scoperta a causa della SIAE, a seguito della registrazione di un brano con nome e un cognome veri.

GOSSIP E CURIOSITÀ

Matteo Bocelli assente al suo live, ma a cantare si presenta il padre

26/07/2022

Matteo Bocelli doveva esibirsi a Marina di Pietrasanta per l'evento "Note d'autore" ma un imprevisto glielo ha impedito. Così, al suo posto, ha cantato suo padre Andrea.

GOSSIP E CURIOSITÀ

Banco del Mutuo Soccorso: il nuovo album per i suoi primi 50 anni


Il Banco del Mutuo Soccorso celebra il mezzo secolo della propria storia con l'uscita di un nuovo disco, il diciassettesimo in studio e di certo il più ambizioso.

NUOVE USCITE MUSICALI

Bob Dylan vieta gli smartphone nel prossimo tour

19/07/2022

E' più importante viverlo che condividerlo. E così Bob Dylan vieta l'uso dei cellulari nei concerti del suo prossimo tour.

CONCERTI ED EVENTI

Concerti 2022 sold out: non ce n'è coviddi?

18/07/2022

I casi di covid sono in netto aumento, ma i grandi eventi mostrano plotoni di corpi assiepati dietro le transenne, più stretti e numerosi che mai.

CONCERTI ED EVENTI

Sondaggio

Le canzoni sulla "Pace" - STOP WAR - Quale la tua preferita?

 
Risultati sondaggio
Plastic Ono Band - Give peace a chance
John Lennon - Imagine
Black Eyed Peas - Where is the love
Passengers - Miss Sarajevo
U2 - Peace on Earth
Bruce Springsteen - War
Bob Dylan - Blowin' in the wind
Scorpions - Wind of change
Michael Jackson - Earth Song